The cookie settings on this website are set to 'allow all cookies' to give you the very best experience. Please click Accept Cookies to continue to use the site.

Mostre Internazionali dei Dipinti Antichi da MAGGIO - AGOSTO 2017

Posted by Museums on 18th May 2017

La Notte Europea dei Musei 2017

20 - 21 Maggio 2017

Festa dell'Arte.


Roma: http://www.romatoday.it/eventi/cultura/notte-musei...

Genova: http://www.visitgenoa.it/it/evento/notte-dei-musei...

***********************************************************************************************************************************


Museo Civico ( La Spezia - Italy ) -  24 Marzo  -  25 Giugno 2017


L'elogio della Bellezza. 

20 capolavori, 20 Musei, per i 20 anni del Lia

24 marzo-25 giugno 2017   a cura di Andrea Marmori e Francesca Giorgi

APERTA DAL MARTEDI ALLA DOMENICA ORE 10/18

http://museolia.spezianet.it/index.php?option=com_...

Vent’anni fa Amedeo Lia destinava la sua magnifica collezione alla città della Spezia, e così nasceva il Museo Civico “Amedeo Lia. Oggi, nel ventennale, il Comune della Spezia in collaborazione con la Fondazione Carispezia e con il contributo di Crédit Agricole Carispezia, ha scelto di onorare la memoria di Amedeo Lia facendo convergere nel magnifico Museo a lui dedicato venti capolavori aggiuntivi, uno per ogni anno del ventennale, ognuno di essi offerto per questo “omaggio collettivo” da un diverso museo che con il Museo Lia ha avuto rapporti scientifici e di scambio. 

Si tratta di opere di grandi maestri, in un vero elogio alla bellezza, e tra i questi troviamo Dosso Dossi, Annibale Carracci, El Greco, Bramantino, Chardin, Jacopo Bassano, Beato Angelico, Gian Lorenzo Bernini, Pontormo, Guercino, ma anche alcuni straordinari reperti archeologici o esempi eccelsi di arti applicate, in assonanza appunto alle diverse Collezioni Lia.
A ricevere questi illustri ospiti saranno le circa mille opere di grande varietà, dall’epoca classica, al tardoantico, al Medioevo e per finire al XVIII secolo, che compongono la Collezione Lia. Si tratta di dipinti, miniature, sculture in bronzo, rame, avorio, legno, vetri, maioliche, oggetti d’arte che documentano il gusto e la cultura dell’arte in Italia e in Europa. Nella collezione i cosiddetti “primitivi” sono una vera gemma, con oltre settanta tavole di Pietro Lorenzetti, Bernardo Daddi, Lippo Memmi, Lippo di Benivieni, Lorenzo di Bicci, Barnaba da Modena, Paolo di Giovanni Fei, il Sassetta; inoltre molte tempere e tele fra cui Vincenzo Foppa, Antonio Vivarini, il Bergognone, un probabile Raffaello giovane, Pontormo, Tiziano, Tintoretto, Sebastiano del Piombo, Giovanni Cariani, Gentile e Giovanni Bellini, Bernardo Bellotto, Canaletto. A rendere questo superbo “Omaggio” hanno concorso i fiorentini Galleria dell'Accademia, Museo del Bargello, Museo Nazionale di San Marco e Museo Horne, il Museo Civico Medievale di Bologna, il Castello Sforzesco, la Pinacoteca di Brera e il Diocesano per Milano, il lucchese Museo Nazionale di Villa Guinigi, le veneziane Gallerie dell’Accademia, 
la Carrara di Bergamo, la Galleria Nazionale delle Marche e, da Roma, la Pinacoteca Capitolina, il Museo Nazionale di Palazzo Venezia e la Galleria Borghese, per quanto riguarda l’Italia. L’estero è presente con la Gemaldegalerie di Berlino, il Museo Thyssen Bornemisza di Madrid, il Musée Jacquemart-André di Parigi e lo Städelsches Kunstinstitut di Francoforte. 



Museo Civico "Amedeo Lia"
Via Prione, 234 - 19121 - La Spezia
http://museolia.spezianet.it
Tel. 0187.731100
Fax. 0187.731408

Ufficio stampa: Studio ESSECI


**********************************************************************************************************************************


Caravaggio's Last Two Paintings -  At The Met Fifth Avenue - New York

APRIL 11–JULY 9, 2017

http://www.metmuseum.org/exhibitions/listings/2017...

The Denial of Saint Peter, also created by the artist in the last months of his life. Commissioned by the Genoese patrician Marcantonio Doria two months before the artist's death in July 1610, Caravaggio painted The Martyrdom of Saint Ursula in an unprecedented minimalist style; its interpretation of the tragic event that is its subject, combined with the abbreviated manner of painting, has only one parallel: The Denial of Saint Peter.

These two extraordinary paintings have not been reunited since a 2004 exhibition in London and Naples devoted to Caravaggio's late work. Since then, there has been a great deal of information discovered about Caravaggio's last years. This exhibition offers a rare opportunity to see these two pictures side by side and to examine the novelty of Caravaggio's late style, in which the emphasis is less on the naturalistic depiction of the figures than on their psychological presence. In these two works, Caravaggio poignantly probes a dark world burdened by guilt and doom, suggesting to some scholars an intersection with his biography and his sense of the tragedy of life.

This exhibition was made possible by the Banca Intesa Sanpaolo through its internal Culture Program. Additional support was provided by the Foundation for Italian Art and Culture (FIAC).


Exhibition Objects



************************************************************************************************************************************************************************


Rubens and Rembrandt - London

22 March – 16 July 2017


https://www.nationalgallery.org.uk/whats-on/exhibi...

Compare two great masters of the 17th century, profoundly different in style and approach yet united in their genius

Peter Paul Rubens and Rembrandt van Rijn are two of the most revered artists of Northern Europe; each had enormous impact on the art of their own time and on the generations that followed, yet their individual styles and approaches differed immensely.

The suave, erudite artist and diplomat Rubens, a native of Antwerp, was the dominant force in Flemish art of his generation, who found success among prestigious patrons across Europe.

In contrast, in Leiden and Amsterdam, Rembrandt forged a bold and independent path that often went against prevailing taste. Choosing to focus on his close surroundings and to explore the depths of human emotion, he rarely, if ever, traveled beyond the Dutch border.

This special display of selected works by the two artists – among the most represented in the National Gallery Collection – provides an opportunity to absorb the depth and diversity of their work, and to recognise the individual character of these giants of northern European Baroque.

Gallery B has been created with the support of the Wolfson Foundation

Image above: Rembrandt, Self Portrait at the Age of 34, 1640 


************************************************************************************************************************************

VENEZIA SCARLATTA - PALAZZO BARBERINI ( ROMA )

14 Marzo 2017 - 11 Giugno 2017


LOTTO, SAVOLDO, CARIANI

14 Marzo 2017 - 11 Giugno 2017

http://www.barberinicorsini.org/evento/venezia-sca...

Ebbene sì, Venezia è scarlatta o, forse meglio, Venezia è lo Scarlatto. La storia, la fortuna, la ricchezza della città e del suo dominio sono state a lungo tinte di rosso. Oggetto di desiderio personale e distinzione sociale, di privilegi e divieti, il rosso a Venezia è motivo di traffici, manovre politiche, imprese geografiche, persino, ma è anche, non per ultimo, materia eletta dell’arte: scienza segreta gelosamente custodita, tramandata e perseguita da pittori, tintori, alchimisti e inventori, che spesso, a Venezia, erano la stessa cosa.
Le sei opere riunite in questa mostra organizzata dalle Gallerie Nazionali a Palazzo Barberini restituiscono insieme, e tuttavia ognuna nella sua eccezionalità, i modi in cui “il senso del rosso” dei pittori veneti tesse una fitta trama visiva e simbolica, in cui si intrecciano valori civici, passioni religiose, affetti mondani, devozioni private, orgoglio professionale.
I dipinti di Lotto, Savoldo e Cariani – provenienti dal Metropolitan di New York, dal Louvre, dal Prado, dall’Accademia Carrara di Bergamo – restano in bilico e in dialogo tra centro e provincia, tra Venezia di terra e Venezia “da Mar”, ma rivelano, forse proprio per questo, una sorprendente originalità. Nelle loro tele la materia della pittura si trasmuta in pittura della materia, ne assume la consistenza variabile, le sfumature cangianti, i significati polivoci. E questa sensuale tonalità fonde insieme, e talora confonde, generi tradizionalmente diversi: il ritratto, la storia biblica, il quadro devoto, la celebrazione biografica.
Insomma, sei magnifici “studi in rosso”, da “dipanare, isolare, esaminare – come avrebbe detto Sherlock Holmes – filo per filo”.


**********************************************************************************************************************************************************************